Il metodo valutativo al servizio della programmazione regionale

schermata-2016-10-14-alle-14-57-23Come avevo annunciato un po’ di tempo fa ho iniziato a lavorare per la Regione Calabria, Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria. Anche se il mio compito principale è occuparmi di valutazione della comunicazione istituzionale e della partecipazione, è inevitabile in questi casi diventare un po’ flessibili, specie se si possiedono competenze di metodo utili trasversalmente. Continua a leggere

La valutazione della comunicazione pubblica (finalmente!)

E’ con piacere che annuncio che ho un incarico alla Regione Calabria (via Formez) per occuparmi di valutazione della comunicazione pubblica e istituzionale relativa alla programmazione regionale 2014-2020. L’argomento ha per me un significato particolare perché me ne occupai per la prima volta nel 1995 (qui il testo prodotto), primo in Italia – assieme ai colleghi che collaborarono – e senza particolari dubbi fra i primi al mondo. Poi tornai sull’argomento – ma solo sotto un profilo teorico – nel 2001 con un seminario a più voci i cui materiali confluirono in un vecchissimo numero della Rassegna Italiana di Valutazione (trovate QUI). Come ebbi modo di scrivere allora la valutazione della comunicazione è una sfida estrema, sia sotto il profilo concettuale che metodologico, e potermene finalmente occupare è decisamente stimolante. Mi occuperò anche di partenariato, flussi comunicativi e altri temi collegati. Il lavoro è all’inizio e durerà un paio d’anni. Vi terrò informati.

Perché la valutazione è migliore se è “partecipata”

Un po’ è una moda. Un po’ è circondata da equivoci e da una certa demagogia. La valutazione partecipata invece è un’approccio molto importante e produttivo, ma solo se è giustificata da necessità metodologiche. La partecipazione è una questione di metodo, con dei pro e dei contro che il valutatore (e il ricercatore in genere) deve conoscere bene.

Ne tratto nella mia prima nota come “manutentore” della Centrale Valutativa a questo indirizzo:

http://centralevalutativa.it/blog/item/8-perche-la-valutazione-e-migliore-se-e-partecipata.html

Quegli indici farlocchi utili solo per confondere l’opinione pubblica

È uscito l’ennesimo indice internazionale in cui l’Italia naviga in posizioni bassissime. Questa volta si tratta del World Press Freedom Index che è stato ripreso anche dalla stampa italiana. Come spesso, questo rapporto è basato su indicatori discutibili, operati con un metodo di cui è lecito dubitare, producendo un indice finale di scarsissima validità. Ne discuto brevemente qui: Continua a leggere

Alle frontiere della valutazione: le cure palliative

Schermata 2016-03-31 alle 10.33.42.pngUn tema drammatico e un contesto problematico: la sofferenza, la morte, le cure palliative. La Commissione Assistenti sociali del SICP (Società Italiana di Cure Palliative) ha elaborato una ricca e articolata riflessione sulla valutazione delle cure palliative e mi ha chiesto di scrivere una postfazione che trovate QUI alle pagg. 26-27.

Il libro Hic Rhodus 2015

Copertina definitiva copia
di Claudio Bezzi e Filippo Ottonieri, 2015 (Codice ISBN 9788894065312).
 
La politica fra riforme realizzate, parziali riforme e fallimenti in un’Italia ancora dominata da particolarismi e corporazioni; in un’Europa fragile in cui crescono i populismi e le incertezze verso il collasso mediorientale e le conseguenti migrazioni; il terrorismo, la guerra, le decisioni che dovremo prendere. E poi la Chiesa di Papa Francesco, il difficile mondo del web 2.0, le nuove tecnologie, i mass media. E soprattutto: la Democrazia del terzo millennio e i suoi problemi, la sua intrinseca diversità, e la necessità di rinvigorire il concetto di ‘responsabilità’.
 
Su Amazon per Kindle (applicazione Kindle gratuita per ogni computer) a meno di 2,50€.

Un valutazione partecipata, multimetodo e operativa delle politiche del lavoro e della formazione

IMG_4772

Finito! Un anno di lavoro, gruppo multidisciplinare, utilizzo di molteplici tecniche differenti, tentativi di integrazione quali-quantitativa… un lavorone davvero grande e impegnativo. Ne sono stato direttore scientifico; ho impostato il disegno della valutazione, realizzati focus e swot relazionali, Delphi, strumento valutativo partecipato e vario altro. Il Rapporto finale lo trovate QUI.

Continua a leggere